Gravidanza

23° settimana di gravidanza

La gravidanza è un’avventura! Ti spieghiamo cosa succede al tuo corpo e a quello del bambino settimana dopo settimana. Leggi qui: la ventitreesima settimana.

Si costituiscono altri strati di grasso e vengono disposti piccoli cuscinetti di grasso. In questo modo il vostro bambino diventa poco alla volta più rotondo. Nel prossimo periodo deve sviluppare in modo marcato soprattutto i polmoni. Adesso si sviluppa gradualmente anche il suo ritmo di sonno e veglia. Ormai è sufficientemente grande da poter essere addirittura percepito quando si gira da un lato all'atro. Dall'esterno si vede un piccolo rigonfiamento, solitamente il sederino, che si sposta come un’onda da un lato all'altro della pancia.

Buono a sapersi: Come si sviluppano i polmoni del vostro bambino

Il sistema polmonare del vostro bambino segue uno sviluppo particolare dato che nella pancia non deve respirare e l'ossigeno gli è fornito dal vostro sangue. Perciò, rispetto agli altri organi, i polmoni si sviluppano relativamente tardi. Gli alveoli polmonari devono seguire un processo importante. Si coprono poco alla volta di una sostanza (surfattante), che assicura il funzionamento del meccanismo di pulizia e protezione del sistema bronchiale; questa importante sostanza surfattante impedisce agli alveoli polmonari di sgonfiarsi e di incollarsi durante l’espirazione. I polmoni sono completamente funzionanti solo alla nascita. Perciò i bambini nati prematuramente (partoriti prima della fine della trentasettesima settimana di gravidanza) hanno solitamente difficoltà di respirazione, definite anche come sindrome da distress respiratorio.

La parte superiore del vostro utero ha ormai raggiunto l'altezza dell'ombelico. Adesso sentirete anche più spesso dei dolori al bacino. Anche i legamenti rotondi dell'utero si fanno sentire a causa della forte tensione, che spesso dura fino al parto. Se avvertite molto dolore, coricatevi per un po’: dovrebbe lenire la tensione. Ora possono verificarsi con maggiore frequenza anche dei crampi alle gambe, soprattutto di notte. Questo può essere riconducibile a diverse cause: la pancia che aumenta preme sempre più sui nervi delle gambe, l'accumulo di acqua nel corpo e la carenza di liquidi o movimento. Talvolta è possibile anche una carenza di magnesio.

Consigli: Come evitare una carenza di magnesio

Spesso è sufficiente correggere l'alimentazione. Prodotti integrali, noci, verdura verde, carne, pesce e latticini contengono ad esempio molto magnesio. Con il consenso del vostro medico potete assumere anche dei preparati a base di magnesio. Praticare molto movimento può prevenire ulteriormente i crampi alle gambe e ai polpacci.

I metodi di cura alternativi e cosa si dovrebbe sapere

Forse vi interessano anche metodi di cura alternativi per trattare i vostri piccoli, ma fastidiosi disturbi? Se desiderate assumere dei rimedi omeopatici, dovreste evitare tinture madre contenenti alcol. In farmacia sono spesso venduti farmaci senza ricetta che abbinano rimedi omeopatici e medicamenti convenzionali.  Fatevi assolutamente consigliare dal medico o dal farmacista su cosa potete assumere senza problemi. Anche con la fitoterapia è necessaria prudenza: non tutte le piante sono innocue.  L'agopuntura offre invece delle buone soluzioni, soprattutto per quanto riguarda la preparazione al parto. Indipendentemente dal metodo scelto: dovreste assolutamente informare il vostro medico curante o la vostra ostetrica sul trattamento utilizzato.

I nostri prodotti consigliati:

Foto: Keystone

Scopri di più sui nove mesi col pancione

Consiglio