Consiglio per il tempo libero

10 consigli per le pulizie primaverili con i bambini

Pulire, strofinare, lucidare e fare ripulisti: sembra un incubo! Ma non deve per forza esserlo. Con alcuni buoni consigli e astuzie, fare pulizia sarà più facile di quel che pensi, anche con i bambini!

In marzo le prime foglioline annunciano l’arrivo della primavera. E con essa purtroppo anche le tanto temute pulizie primaverili. Niente paura, però: con i nostri dieci consigli, tutta la famiglia può sbrigare le pulizie primaverili in men che non si dica rendendole un’esperienza gioiosa. Puoi contare su un valido sostegno da parte dei tuoi bambini quando hanno almeno quattro anni. Se sono più piccoli è consigliabile organizzarsi in modo che una persona li accudisca.

10 consigli per le pulizie di primavera

Un bambino piccolo aiuta nelle faccende di casa con l’aspirapolvere
Caricamento dell’immagine

Consiglio 1 - Una buona organizzazione alla base di tutto

Tieni una riunione di famiglia per fissare insieme un giorno da dedicare alle pulizie. Coinvolgi i bambini già nella pianificazione: ognuno si occupa di una zona ben precisa come ad esempio la cucina o l’angolo dei giochi. Puoi assegnare i compiti anche secondo la funzione: una persona si occupa dell’aspirapolvere, un’altra della pulizia delle finestre, un’altra ancora degli snack.

Consiglio 2 - Gli strumenti giusti

Fai un giro di tutte le stanze e segnati tutto ciò che ti serve: detergente multiuso, panni, decalcificante, sacchi per i rifiuti, spray per il forno… Nell’allestimento della lista i bambini più grandi possono già aiutare prendendo nota di tutto l’occorrente. Diversi detergenti possono anche essere preparati in maniera conveniente a casa oppure ordinati online.

Consiglio 3 - Riordinare ed eliminare oggetti in eccesso

Prima di pulire bisogna riordinare la casa e liberare possibilmente tante superfici. Assegna ai tuoi bambini compiti in base all’età: mentre i più piccoli sistemano ad esempio i loro giocattoli, i grandi possono riordinare la propria stanza e fare ripulisti degli oggetti ormai inutili. Per Marie Kondo fare ripulisti significa decidere di eliminare il superfluo e conservare solo ciò che ci piace davvero.

Consiglio 4 - La musica mette di buon umore

Non appena tutto è pronto si può cominciare. Fai in modo che il giorno delle pulizie regni una buona atmosfera generale, ad esempio con della musica: un basso trascinante, una tromba squillante o una soave melodia barocca danno la carica giusta. La musica invita a cantare insieme o addirittura a ballare mentre si pulisce. Metti pezzi musicali che piacciono sia a te che ai tuoi aiutanti. In questo modo aumenterai la loro motivazione.

Consiglio 5 - Chi ben organizza è a metà dell’opera

Appendi in modo ben visibile la lista con i compiti da svolgere. Ognuno potrà spuntare i compiti già svolti usando il proprio colore preferito. In questo modo si aumenta il grado di motivazione di tutti i partecipanti. A proposito di motivazione: al termine dell’evento di pulizia si possono distribuire premi per la “finestra più brillante”, il “ripostiglio più pulito”, la “cucina più immacolata” o lo “scaffale più ordinato”.

Consiglio 6 - Iniziare con i lavori pesanti

I locali che solitamente necessitano del lavoro maggiore, ossia quelli più utilizzati, sono il bagno e la cucina, dove si annidano le macchie di calcare e unto. All’inizio tutti sono ancora in forma e concentrati, dunque conviene cominciare con questi locali. Un ulteriore consiglio: pulisci con metodo, passando dal lato posteriore a quello anteriore, dall’alto al basso. In questo modo le superfici già pulite non si sporcheranno di nuovo.

Consiglio 7 - Pause energetiche

Affinché non vi siano crisi di fame mentre si puliscono le finestre, si strofina il pavimento o si spolvera lo scaffale, pianifica pause regolari e proponi gustosi snack che invogliano a continuare con le pulizie. Consigliamo frutta, barrette energetiche fatte in casa e/o sandwich sostanziosi. Alla fine del lavoro tutti dovrebbero concedersi un’uscita insieme, magari al ristorante o al cinema.

Consiglio 8 - Tutto l’aiuto della lavastoviglie

Renditi la vita più facile: la lavastoviglie non è perfetta solo per tazze, piatti e pentole, ma anche per altri oggetti casalinghi, per esempio giocattoli (in plastica, privi di parti metalliche), portasapone, spazzole, barattoli, infradito o addirittura scarpe da ginnastica.

Consiglio 9 - Tutto più bello!

Sfrutta le pulizie primaverili e la tua motivazione per portare una ventata di freschezza in casa e cambiare qualcosa nell’arredamento. Già che ci sei, ascolta i consigli dei tuoi figli e modifica la loro camera rendendola più pratica e attraente oppure sposta il divano in un altro angolo. Acquistando qualche oggetto decorativo renderai il tutto ancora più bello!

Consiglio 10 - Calma!

Non dimenticare di svolgere il lavoro in modo tranquillo, senza stress. Non aspettarti troppo e accetta con gioia ogni risultato conseguito. Loda i bambini per il loro impegno: nella vita c’è di peggio che uno scaffale non pulito alla perfezione!

Consiglio supplementare

Gli sperimentati ausili della nonna (come aceto, sale o lievito in polvere) sono ancora oggi un classico per le pulizie di primavera.

Selezione di prodotti preferiti per le pulizie di primavera

Altre idee della redazione Famigros

Geniale!