Consiglio per il bebè

La gestione del tempo nella vita familiare quotidiana: stabilire le priorità ed evitare lo stress

Una gestione efficace del tempo aiuta ad evitare o a ridurre lo stress nella vita familiare quotidiana. Ecco come strutturare la lista delle priorità e trovare tempo a sufficienza per tutto.

Informazioni utili

Parole chiave

Bambino piccolo

Informazioni utili

Parole chiave

Bambino piccolo

L'essenziale in breve:

  • Ogni giorno i genitori devono far fronte a mille impegni.
  • Senza una gestione efficace del tempo, lo stress invade rapidamente la vita di mamma, papà e bambini.
  • Esistono vari metodi per organizzarsi, pianificare tutto quel che c'è da fare e avere così più tempo libero.
  • Affinché la gestione del tempo sia davvero efficace, è particolarmente importante stabilire le priorità e organizzare impegni ed attività in base all'importanza.

Il telefono squilla, la lavatrice ha terminato il lavaggio, è quasi mezzogiorno e il pranzo non è ancora pronto, non ci sono più pannolini in casa - e adesso ci si mette pure il bambino coi piagnistei! Chiunque sia madre o padre ha ben presente la scena. In situazioni come queste, il livello di stress si impenna. Mantenere la visione d'insieme e continuare a fare tutto risulta molto difficile. E lo è ancora di più se i genitori lavorano fuori casa. La soluzione? Una gestione efficace del tempo.

Individuare cosa è davvero importante

Affinché la gestione del tempo sia davvero efficace, occorre innanzitutto classificare le cose da fare, fissare gli obiettivi e poi pianificare bene. Per evitare lo stress bisogna definire le priorità e stilare una lista ordinandole per importanza.

Ecco le decisioni da prendere per una gestione efficace del tempo: quali attività sono le più importanti?  Cosa va fatto subito e cosa invece può essere rimandato al giorno dopo? Quali sono gli obiettivi per la settimana?

Stabilire gli obiettivi consente già di vivere meno stressati ritagliandosi più spazio per sé e per altre attività.

Consiglio 1 per la gestione del tempo: first things first

Le attività che (devono) essere ripetute ogni giorno o settimana come cucinare, fare la spesa, portare il bambino al gruppo di gioco o andare a prendere i bambini più grandi a scuola, costituiscono la struttura di base del programma. Analizza meglio questa struttura di base: cosa può essere semplificato o tralasciato? La casa deve essere proprio sempre super splendente? Ha senso fare un'unica grande spesa settimanale? Si può optare, almeno ogni tanto, per prodotti già pronti (il più possibile salutari)? Gli appuntamenti straordinari o gli impegni imprevisti che tutt'a un tratto richiedono attenzione sono più difficili da pianificare e a volte sconvolgono i programmi facendo perdere di vista gli obiettivi e le cose da fare. In questi momenti è necessario mantenere la calma e riflettere brevemente per individuare la cosa più importante da fare per prima. Un programma delle attività per la famiglia è quel che ci vuole: basterà un semplice sguardo al calendario (da parete o in formato tascabile) con già su tutti gli appuntamenti noti per avere la visione d'insieme. Poi fai un respiro profondo e organizza con calma le cose da sbrigare. Ecco come funziona la gestione del tempo!

Consiglio 2 per la gestione del tempo: delegare

Essere ben organizzati aiuta a prevenire lo stress. Organizzarsi significa anche delegare qualche compito o assegnare ai vari familiari alcune incombenze ricorrenti invitandoli ad occuparsene sempre. I bambini più grandicelli possono per esempio essere incaricati di lavoretti come svuotare la lavastoviglie tutti i giorni, mentre la coppia può suddividersi i compiti per sbrigare tutto in modo molto più efficiente e in meno tempo. Magari uno dei due preferisce preparare i pasti, mentre all'altro non disturba stendere il bucato. Non è perfetto così? Nelle situazioni difficili, chiedere aiuto non guasta, per esempio affidando ai nonni qualche commissione. Inoltre conviene sempre tenere sottomano il numero di telefono di una o due babysitter da chiamare quando il tempo stringe. Spesso, il solo il fatto di sapere che c'è qualcuno per le emergenze tranquillizza.

Consiglio 3 per la gestione del tempo: stabilire dei limiti

Nella gestione efficace del tempo rientra anche la capacità di tracciare una linea ben definita e saper dire un secco "no". No agli appuntamenti che non sono veramente importanti. No alle richieste di altri che semplicemente non puoi o non vuoi soddisfare in quel momento. No alle attività troppo impegnative. No a nuovi progetti per i quali non hai né tempo né forza. Questa autoprotezione influisce anche sulla gestione del tempo: avrai subito più tempo libero, per le cose indispensabili e importanti della vita.

Consiglio 4 per la gestione del tempo: sfruttare bene il tempo libero

Hai un po' di tempo a disposizione? Non sprecarlo! Il tempo libero è prezioso ed è anche una priorità. Rilassati e ricarica le batterie per i nuovi obiettivi, progetti vari e attività che ti aspettano all'orizzonte. I momenti di tranquillità sono importanti: goditeli consapevolmente. Con i bambini l'imprevisto è sempre in agguato. Grazie alle zone di decompressione avrai non solo il tempo, ma anche le forze necessarie per affrontare gli imprevisti. Gestione efficace del tempo significa anche questo.

Grazie ai nostri quattro consigli per la gestione del tempo, nella tua vita quotidiana riuscirà a farsi spazio un po' di relax. Ma il consiglio più importante è probabilmente questo: alla fine della giornata l'essenziale non è che la casa brilli e tutte le cose della famigerata To-do list siano state spuntate. L'essenziale è che la convivenza in famiglia funzioni bene, in modo che tutti possano essere felici e soddisfatti. Quindi lascia perdere l'aspirazione alla perfezione e l'idea di un'organizzazione impeccabile della vita familiare quotidiana.

Il piano settimanale per i pasti

 Un buon consiglio per una gestione del tempo ancor più efficace: creare un pianificatore menu settimanale. Con questo metodo non solo risparmierai tempo e forze, ma potrai anche seguire una dieta sana. Scrivi cosa servire a tavola e quando. Quindi non pianificare soltanto le faccende domestiche e le incombenze quotidiane, ma anche le derrate alimentari. Noterai subito che un piano settimanale di questo tipo non solo rende più facile cucinare, ma anche fare la spesa. Un altro bel vantaggio!

Mental Load: come i genitori possono suddividersi i compiti

Da qualche tempo tutti parlano di «Mental Load», il sovraccarico psicologico che consiste nel pensare quasi ininterrottamente a tutte le cose che vanno fatte, un carico di pensieri e preoccupazioni che ci accompagna costantemente.  In molte famiglie è la mamma a gestire le varie incombenze da concludere a livello domestico, familiare e personale. Un consiglio: è utile suddividersi interi pacchetti di compiti. Per esempio, un genitore è responsabile dell'area «vestiti e scarpe per bambini» (si occupa del cambio di stagione dei vestiti, tiene d'occhio le taglie, fa shopping se necessario, controlla le scarpe per asilo nido, scuola d'infanzia e scuola/acquista il numero di scarpe successivo), mentre all'altro genitore compete per esempio il «compleanno dei bambini» (pianifica la data e il luogo, sceglie insieme al bambino chi invitare, crea gli inviti, pensa al programma, compra il necessario, prepara torte ecc.). Ovviamente darsi vicendevolmente una mano sarà ben accetto: nonostante la visione d'insieme di un «pacchetto» ce l'abbia un genitore, potrà sempre chiedere gentilmente all'altro di provvedere a uno o più compiti.

Ti consigliamo:

Foto: Getty Images

Altre idee della redazione Famigros

Ottimo
consigli