A casa e in giardino

Giardinaggio con i bimbi: consigli individuali per ogni tipo di giardino

Destare l'interesse dei bambini per il giardinaggio non è difficile. Ma per convincerli a non mollare occorre il giusto mix di lavoro, divertimento ed esperienze gratificanti.

Vangare la terra, piantare i semi nel terreno: il giardinaggio è uno dei lavori preferiti dai bambini. I loro occhi brillano quando vedono come da minuscole piantine nascono splendidi fiori. E la loro prima verdura non ha più il gusto di noiose vitamine, ma di orgoglio allo stato puro.

Perché il giardinaggio con i bambini diventi un prospero successo occorre però considerare un paio di cose, a cominciare dalla cassetta per piante: l'ideale sarebbe che ogni bambino ricevesse il proprio piccolo giardinetto. All'inizio bastano uno-due metri quadrati o uno-due vasi sul balcone. È importante non pretendere troppo dai piccini.

Per i bambini, giardinaggio deve essere sinonimo di divertimento, non di lavoro. Una mela per la pausa, un'entusiasmante storia che si svolge in giardino, un lombrico da studiare: tutto può essere spassoso. E dato che i bambini amano soprattutto passare del tempo con gli altri piccoli, vale forse la pena trasformare l'iniziativa di giardinaggio in un progetto di quartiere.

Più bambini parteciperanno e potranno fare la loro parte, maggiori saranno il loro entusiasmo e il loro impegno. Permetti al tuo piccino di dipingere i suoi vasi oppure di recintare le sue piccole aiuole. E non dimenticare di dargli i suoi attrezzi da giardino, adeguati alla sua altezza: ne andrà fiero. Stendete insieme una lista dei desideri. A tuo figlio piacciono particolarmente i bei fiori? Quali sono la sua frutta e la sua verdura favorite? A seconda delle preferenze e dell'indole sono adatte varie piante.

Il giardinaggio per il tuo bambino: l'aiuola ideale per ogni tipo

Per chi ama fare scoperte

Nell'orto crescono delle vere e proprie meraviglie. I bambini amano piantare nel terreno le patate da semina e i loro volti si dipingono di stupore quando d'estate da una patata ne nascono altre dieci. Il nasturzio non è solo bello da vedere, ma i suoi fiori sono addirittura commestibili. E chi ha tante zucchine può realizzare un vero e proprio giardino. 

Per i buongustai

L'amore per il giardino va preso per la gola. Nell'aiuola dei bambini dovrebbero quindi sempre crescere frutta e verdura particolarmente saporite e amate, che possono essere gustate in giardino appena raccolte. Le fragole sono una valida scelta. E una siepe di lamponi, ribes e mirtilli si aggiudica, anno dopo anno, il titolo di hit dell'estate.

Per gli impazienti

Chi lavora in giardino deve avere pazienza. Ma visto che con i bambini deve accadere sempre tutto velocemente, si raccomanda di mettere nell'assortimento piantine che crescono in tutta rapidità. A tale scopo sono adatte le erbe aromatiche come il crescione che si possono seminare persino in piccole vaschette, anche sul davanzale. Esistono addirittura starter set pronti per l'uso.

Per i minimalisti

Non tutti i bambini amano trascorrere ore a lavorare in giardino, scavare o seminare lunghe file di piselli. Chi vuole raccogliere, però, non deve sempre compiere un notevole sforzo. Seminare i mix di insalate da taglio è semplicissimo e davvero divertente: ogni bambino può prendere una manciata di semi e lanciarli in un attimo in un'aiuola precedentemente preparata o in un vaso da balcone. Dopo un paio di settimane l'insalata sarà pronta per essere raccolta.

Per chi apprezza i colori vivaci

Un giardino incantevole è bello anche alla vista: i bambini amano i colori vivaci e le forme strane. In ogni «giardino per bambini» non possono pertanto mancare alcuni fiori. I girasoli hanno fiori meravigliosamente grandi e, a seconda del tipo, crescono quasi fino in cielo. La cipolla ornamentale forma delle sfere lilla di grande effetto. E del profumo della lavanda non se ne ha mai abbastanza.

Per i versatili

Nei giardini prospera la varietà in uno spazio ristretto. È possibile spiegarlo in modo chiaro ai bambini, piantando un pomodoro ciliegino rosso, uno giallo e uno verde. Oppure carote arancioni e bianche, zucchine verdi e gialle. Per quanto riguarda i ravanelli esistono addirittura dei mix di semi con varietà rosse, viola e bianche in un'unica bustina.

Se i tuoi bambini vogliono saperne di più sui giardini

Progetto Giardinieri in erba di Bioterra

Gartenkind
Caricamento dell’immagine
web.lightbox.openLink
Gartenkind
Caricamento dell’immagine

Il giardino diventa un parco giochi: stimolare la curiosità dei più piccoli per il giardinaggio è l'obiettivo di Gartenkind. In circa 60 località in tutta la Svizzera bambini e bambine dai quattro agli undici anni possono frequentare corsi stagionali e coltivare la loro aiuola dalla primavera fino alle vacanze d'autunno. Il Gurtengärtli (Berna), il Gärtli im Park (Münchenstein Basilea), ilMusegg-Garten (Lucerna), il Garten am Bach (San Gallo), il Lortobio (TI), il Biogärtli a Zurigo e il Signal de Bougy (VD) offrono inoltre pomeriggi open-day in cui i piccoli hanno possibilità di dare un'occhiata e partecipare senza nessun impegno. Gartenkind è un progetto di Bioterra e Impegno Migros.

3 domande a Isabelle Saluz, responsabile Giardinieri in erba Bioterra presso il Dorfgarten Grabs SG

Signora Saluz, perché vale la pena fare giardinaggio con i bambini?

Perché i bambini sono il nostro futuro e in giardino vengono a contatto con le risorse della nostra vita. Inoltre, i bambini sono capaci di entusiasmarsi nonché flessibili e tolleranti. L'ho sperimentato io la scorsa estate in maniera impressionante. Pioveva e faceva così freddo che molte verdure non crescevano come pianificato. Ma ai bambini non importava: si meravigliavano per ogni fiore, per ogni fogliolina, anche per quelle di piante che noi adulti consideriamo erbacce.

Che cosa imparano i bambini quando fanno giardinaggio?

Imparano a sentirsi parte della natura e a interagire con essa: a influenzarla, ma anche a non avere pretese, visto che molti aspetti non possono essere condizionati. Inoltre, il giardinaggio consente loro di imparare a farsi un'opinione in merito alle questioni ambientali. Se un bambino trova un pezzo di plastica nella sua aiuola, comprende perché i rifiuti devono finire nel secchio e non nella natura.

Come si fa a non far passare ai bambini il piacere del giardinaggio?

I bambini hanno bisogno di spazio. In giardino non bisogna per forza sempre imparare qualcosa. Le pause sono importanti. Se i bambini possono semplicemente sedersi all'aperto, all'improvviso sentono gli uccellini cantare e si pongono domande del tutto nuove. Bisognerebbe illustrare loro sempre i cicli della natura e i ritmi delle piante. I bambini del nostro giardino si sono entusiasmati quando, lo scorso anno, dal raccolto abbiamo ricavato del sale aromatico. Inoltre, si emozionano quando scoprono come dai semi raccolti nascono ancora una volta nuove piante.

isabelle-saluz
Caricamento dell’immagine

Isabelle Saluz

Responsabile Giardinieri in erba Bioterra presso il Dorfgarten Grabs SG

Autore: Simon Koechlin, foto: Getty Images

Altre idee della redazione Famigros

Da non
perdere