Consiglio per il bebè

Gruppi di gioco & co.

Lo scambio regolare di esperienze giova a grandi e piccini. Giocare, gattonare e nuotare insieme non apporta vantaggi solo ai bebè, ma anche ai genitori.

Informazioni utili

Informazioni utili

L'essenziale in breve

  • Dall'ottavo mese in poi la voglia di scoperta dei bebè diventa incontenibile e i piccoli hanno bisogno di muoversi molto. A loro piace tantissimo vivere esperienze nuove e mostrano una grande curiosità verso i loro coetanei.
  • Anche i genitori possono trarre vantaggio facendo regolarmente nuovi incontri e scambiandosi le opinioni con gli altri. Le occasioni d'incontro per genitori e bambini come i gruppi di gioco e il programma di Praga genitori-bambino PEKiP (giochi e movimento) sono perfette per fare nuove esperienze. 

Dopo i sei mesi il tuo bebè è pronto a scoprire il mondo. Molto probabilmente comincerà a farlo sorreggendosi ai mobili. A questa età, oltre a mettere in bocca tutti gli oggetti, comincia a scuoterli, a lanciarli lontano, a batterli e a lasciarli cadere. Il piccolo acquista insomma una maggiore mobilità. Gattona, scivola da seduto o si fa rotolare, l'importante è spostarsi! La curiosità del tuo tesoro è rivolta ora anche agli altri esseri umani, soprattutto ai bambini.

Cerca quindi altri genitori con figli della stessa età del tuo bambino. Per andare al parco giochi è ancora un po' presto. I gruppi di gioco e i corsi PEKiP sono invece perfetti per garantire incontri adatti all'età, come pure le lezioni di nuoto per i bebè.

Qui trovi i luoghi d'incontro 

I luoghi d'incontro e i gruppi di gioco possono essere sia pubblici che privati od organizzati dalle parrocchie. Alcuni sono gratuiti, altri richiedono il pagamento di una tassa per coprire le spese del personale specializzato. Durante gli incontri regolari, di solito settimanali, i bambini giocano e cantano insieme ai genitori. Nei gruppi di gioco vi sono però anche fasi in cui i piccoli si limitano a gattonare insieme e a giocare gli uni accanto agli altri con la palla o altri oggetti.

Mentre il tuo bambino fa la conoscenza dei suoi coetanei, tu puoi intrattenerti con gli altri genitori. Sorseggiando una tazza di tè, questo è un momento prezioso per conoscere e scambiarsi le esperienze con altre mamme. Nei primi mesi di vita del bebè sono successe molte cose e praticamente tutti i genitori sentono il bisogno di raccontarle ad altri genitori, spiegare come stanno vivendo il loro ruolo di mamma o papà e pure conoscere la loro avventura genitoriale. Le esperienze degli altri membri del gruppo di gioco consentono di relativizzare i problemi legati al ruolo di genitori oppure di rassicurarsi sulle successive fasi evolutive del bambino. Nei luoghi d'incontro capita anche di stringere amicizie durature. Per certi genitori è importante però anche prendersi qualche momento per tirare il fiato senza lo stress quotidiano e la necessità di doversi concentrare sul bambino e su sé stessi. In genere un incontro o un pomeriggio di gioco dura una o due ore.

Nuoto per bebè: incontri e stimoli

Anche ai corsi di nuoto per bebè si possono incontrare altre persone. Questi corsi, risp. incontri sono offerti da numerose piscine coperte. L'obiettivo non è quello d'insegnare ai bambini a nuotare, ma di abituare i piccoli a muoversi e a divertirsi in acqua. Naturalmente in piscina i bebè vengono tenuti da mamma o papà nell'acqua calda per tutta la durata della lezione. I bambini possono muoversi in acqua in tutte le direzioni sperimentando così un raggio di azione pluridimensionale e più ampio del solito. Questo favorisce lo sviluppo della motricità e della coordinazione. Vi sono bambini che hanno paura dell'acqua. Tuttavia, grazie a questa tecnica dolce, ogni timore si dissolve rapidamente.

Altri gruppi e incontri per i neogenitori

In alcune città vengono organizzati anche i cosiddetti "café allattamento". Questi incontri sono dedicati alle mamme, che possono scambiarsi le esperienze tra loro. Spesso a queste riunioni partecipano anche consulenti per l'allattamento o infermiere per dare alle mamme preziosi consigli su allattamento, alimenti di proseguimento, svezzamento, picchi di crescita, problemi digestivi e ingorghi mammari.

In certe località vengono proposti gruppi d'incontro e corsi anche per le famiglie monoparentali. Durante gli incontri i genitori single possono parlare con persone nella medesima situazione e trovare consigli per affrontare in modo ottimale la quotidianità e gestire al meglio il bebè. Mentre i genitori discutono, i bambini vengono di solito sorvegliati da personale qualificato.

PEKiP – Il programma di Praga genitori-bambino

Sotto la guida di una persona appositamente formata, nei gruppi PEKiP si stimolano giocando le percezioni sensoriali dei bambini partecipanti con speciali movimenti. Ai corsi PEKiP genitori e bambini interagiscono attraverso il gioco. I genitori si concentrano e si dedicano interamente al proprio bebè. L'istruttore accompagna l'interazione tra i partecipanti seguendo l'apprendimento dei piccoli. Questo programma pedagogico mira a toccare anche gli stati d'animo, le intenzioni e le esperienze che i partecipanti sperimentano durante l'incontro. A questo si aggiunge la possibilità per i genitori di raccogliere informazioni sulle fasi dello sviluppo nella prima infanzia. I corsi PEKiP non prevedono un programma fisso. Durante questi incontri si ricevono anche tanti spunti per giocare a casa.  A certi genitori però non piace che di solito durante gli incontri i bambini gattonino e giochino senza vestiti.

Prodotti consigliati per te:

Foto: Getty Images

Altre idee della redazione Famigros

Ottimo
consigli