Consigli per la casa

Lavare i vetri senza lasciare aloni: consigli per far brillare i vetri

Lavare i vetri senza lasciare striature né aloni? Nessun problema! Con questi consigli avrai vetri perfetti e splendenti.

Ogni anno la stessa storia: finché fuori è nuvoloso e umido, i vetri sporchi quasi non si notano, ma non appena i primi raggi di sole inondano le stanze in primavera, non è più possibile rimandare il temuto lavoro. Lo sporco sulle finestre deve sparire. Abbiamo raccolto i consigli e le astuzie migliori per far sì che anche tu possa sfoggiare vetri brillanti senza aloni.

L'occorrente per lavare i vetri

Pulire i vetri non è un’arte e non servono apparecchi costosi. Tutto quel che occorre sono gli attrezzi e i detergenti giusti:

  • una spazzola morbida per rimuovere ragnatele, polline o altro sporco grossolano dai vetri
  • un detergente sgrassante o detergente per vetri
  • una spugna
  • un secchio di acqua tiepida
  • un tergivetro o un lavavetri e aspiragocce affinché i vetri si asciughino rapidamente e senza macchie
  • un panno in microfibra o un panno di cotone senza lanugine per lucidare i vetri

Lavare i vetri al momento giusto

L'ideale è lavare i vetri con il cielo sereno ma quando i raggi del sole non si riflettono direttamente sui vetri, perché altrimenti l'acqua asciuga prima che tu possa asciugare i vetri. Presta attenzione anche alla temperatura: se fa troppo freddo, alcune gocce d'acqua possono congelare sui vetri e lasciare striature una volta scongelate.

Informazioni utili

Parole chiave

Consigli per casa

Informazioni utili

Parole chiave

Consigli per casa

Detergente per vetri Potz Xpert: vincitore del test sui detergenti per vetri

La trasmissione per i consumatori "Kassensturz" della SRF ha esaminato diversi detergenti per vetri. Nel confronto, il detergente per vetri Potz Xpert si è nettamente distinto conquistando il voto complessivo di 5,5/6. Anche su vetri molto sporchi garantisce una lucentezza perfetta e una pulizia senza aloni. Ai risultati del test (solo in tedesco).

Lavare i vetri passo dopo passo
​

Prima di lavare i vetri ti conviene pulire il telaio delle finestre. Basta usare una spugna o un panno e il detergente appropriato. Se il telaio rimane sporco e polveroso infatti, i vetri non tarderanno a sporcarsi di nuovo e dovrai rilavarli, una bella seccatura!

Dopo aver pulito il telaio delle finestre puoi dedicarti ai vetri. Riempi un secchio di acqua e aggiungi qualche goccia di detergente per vetri. Ma attenzione: meno è meglio è, altrimenti si formeranno macchie di untuosità sui vetri.  A questo punto puoi cominciare a pulire.

  1. Prendi una spugna morbida, inumidiscila nell'acqua del secchio e passala uniformemente sui vetri con movimenti circolari dall'alto verso il basso. 
  2. Prendi il tergivetro e rimuovi tutta l'acqua dai vetri orizzontalmente, se possibile in una sola passata ogni volta. Alla fine di ogni passata pulisci il tergivetro con il panno senza lanugine. 
  3. Rimuovi i residui di acqua con un panno in microfibra e usalo anche per lucidare i vetri passandolo con una leggera pressione su tutta la superficie. Importante: lavora rapidamente in modo da non lasciare striature né aloni. E se non hai a portata di mano un panno in microfibra, basta una semplice calza di nylon per lucidare i vetri.

Come lavare bene i vetri senza tergivetro

Non hai in casa il tergivetro? Non c’è problema! Anche senza tergivetro puoi lavare i vetri senza lasciare aloni: strizza bene il panno utilizzato per lavarli e usalo per una prima asciugatura. Poi asciugali completamente con un panno in microfibra.  In alternativa va bene anche un giornale accartocciato. Attenzione però: la carta di riviste o opuscoli non è adatta perché essendo patinata non assorbe l'umidità.

Rimedi casalinghi per lavare facilmente i vetri senza lasciare aloni

Economici e naturali: per lavare i vetri senza lasciare aloni puoi ricorrere anche ai rimedi casalinghi. Ecco i più efficaci.

Aceto contro le macchie di calcare

L'aceto è particolarmente efficace contro le macchie di calcare sui vetri. Previene i depositi di calcare sui vetri e gli inestetici aloni. L'aceto è inoltre un rimedio efficace anche per altre impurità ostinate. Basta spruzzarne un pochino nell'acqua e, volendo, aggiungerlo anche al detergente.

Olio di semi di lino per una lucentezza perfetta

L'olio di semi di lino non aiuta a pulire i vetri, ma li fa brillare, anche se opachi. Strofina delicatamente l'olio sui vetri e lascialo agire. Dopodiché rimuovilo con della carta da cucina e lava normalmente i vetri per eliminare eventuali residui di grasso.

Tè nero contro lo sporco ostinato

Il tè nero con limone è efficace contro lo sporco ostinato. L'acido del limone combatte il calcare e il tè nero scioglie i depositi di grasso sui vetri. Nel contempo questi due principi attivi formano uno strato protettivo che prevenire lo sporco. Così i vetri senza aloni brilleranno a lungo. Basta versare una tazza di tè nero e il succo di un limone in un secchio riempito con cinque litri d'acqua tiepida. E poi mettersi di buona lena al lavoro!

Ausili pratici per lavare i vetri

Non per forza devi stancarti lavando i vetri manualmente! Esistono infatti molti ausili pratici che facilitano la pulizia dei vetri facendo risparmiare tempo e fatica.

  • Lavavetri e aspiragocce: il lavavetri e aspiragocce aspira immediatamente l'acqua usata per il lavaggio prevenendo così la formazione di gocce e inestetiche striature.
  • Lavavetri telescopico: molto utile, soprattutto per finestre alte o difficili da raggiungere. Grazie al manico allungabile non devi più salire su una scala per lavare i vetri, ma puoi stare comodamente e in sicurezza con i piedi per terra! 
  • Pulitore a vapore: ecco quel che ti serve se preferisci rinunciare al detergente per lavare i vetri. Il vapore caldo uccide germi e batteri rimuovendo efficacemente lo sporco dai vetri. Per sfoggiare vetri senza aloni né striature, puoi concludere la pulizia passando il tergivetro e un panno.

Foto: Getty Images

Altre idee della redazione Famigros

Da non
perdere