Escursione

Escursioni con i bambini nella natura selvaggia al lago di Derborencee

Maledetto nel passato, oggi protetto e apprezzato: il delizioso lago di montagna di Derborence, e l'antico bosco che lo circonda, incantano grandi e piccoli amanti della natura.

A Derborence, nel Canton Vallese, uno splendido specchio d'acqua risplende a 1451 metri di altitudine. Il lago si è originato nel diciottesimo secolo in seguito a due gigantesche frane staccatesi dalle Diablerets. All'epoca queste montagne si chiamavano ancora Rochers o Scex de Champ. Gli uomini considerarono le frane un'opera del Maligno e ribattezzarono le montagne "les Diablerets", ovvero le montagne del Diavolo. Per molto tempo anche il lago fu considerato maledetto e, dato che nessuno osava avventurarvisi, la natura è cresciuta indisturbata per secoli. Per fortuna oggi la Valle di Derborence non è più considerata maledetta, ed è una riserva naturale. Il modo migliore per scoprire l'antico bosco e gli animali che lo popolano è un'escursione sul percorso circolare attorno al lago. Allora via che si va, pronti con le vettovaglie per il picnic e gli scarponi da montagna!

Informazioni utili

Periodo dell’evento

Orari d’apertura

Per saperne di più
Indicato per

7-18+

Parcheggi

Non sono disponibili parcheggi

Fermata trasporti pubblici più vicina

Derborence

Informazioni utili

Periodo dell’evento

Orari d’apertura

Per saperne di più
Indicato per

7-18+

Parcheggi

Non sono disponibili parcheggi

Fermata trasporti pubblici più vicina

Derborence

Cartina Google Maps

Caricamento della cartina...

Come arrivare

Parcheggi

Non sono disponibili parcheggi

Fermata trasporti pubblici più vicina

Derborence

Orari d’apertura

Caricamento degli orari di apertura

Contatto

Indirizzo

Lac de Derborence
Lac de Derborence
1976 Conthey

Sito web

www.valais.ch

Informazione COVID-19: non è possibile garantire la correttezza delle informazioni sopra riportate e degli orari di apertura. Prima dell'escursione controlla il sito Internet ufficiale dell'organizzatore. Scrivi a famigros.ausfluege@mgb.ch per segnalare eventuali modifiche.

  • L'AutoPostale circola solo fino a metà ottobre. 
  • Fare il bagno nel lago è vietato.
  • Accendere il fuoco e grigliare è vietato.
  • Sono necessarie scarpe adatte al trekking.

Infrastruttura

An diesem Ort sind folgende Infrastrukturen vorhanden.
Caffè
Ristorante
Vista

Curva dopo curva verso il lago

Il viaggio stesso è come un'avventura: la stradina si snoda lungo le rocce effettuando molte curve. È un po' come trovarsi su una pista da corsa, tranne per il fatto che quasi nessuno guida più veloce di 30 km all'ora. E l'avventura si fa più emozionante quando si incontra qualcuno che viaggia nella corsia opposta: mamma e papà possono mettere in pratica quanto imparato a scuola guida! Il parcheggio di Derborence è il punto di arrivo per i veicoli a motore. Da lì è possibile arrivare a piedi direttamente al lago e al piccolo ristorante di montagna, oppure tenersi lo spettacolo del lago per ultimo e andare prima alla scoperta del paesaggio circostante.

Escursioni attorno al lago di Derborence

Per le famiglie con i bambini sono due i percorsi più adatti: il più corto gira una volta intorno al lago. Il più lungo dura all'incirca due ore e mezza e passa in mezzo a rocce e radici, ma incanterà anche coloro che non amano molto fare trekking. Proprio all'inizio del percorso si sale su un imponente macigno, un residuo della vecchia frana; più tardi invece si guada un torrente senza ponte. Con le scarpe giuste l'escursione sarà uno spasso! Il percorso prosegue fino al punto più alto sopra il bacino di Godey. Da lì continua attraverso il misterioso bosco snodandosi lungo il lago fino a tornare al punto di partenza. Anche se l'acqua risplende invitante, fare il bagno è proibito perché si tratta di una riserva naturale.

Habitat naturale per gli animali selvatici

In questo paradiso naturale vivono molti animali selvatici: con un po' di fortuna si potranno osservare le aquile reali, mentre volano in cerchio nel cielo o camosci e stambecchi intenti a saltare di roccia in roccia. Può darsi anche che, durante il cammino, ci si imbatta in qualche lepre oppure che, restando in silenzio, si scorga una marmotta uscire dal suo rifugio.

Fotos: Valais/Wallis Promotion - Claudio Zenger/Christian Pfammatter

Più escursioni, più avventure

Vai!