Consiglio per il bebè

Leggere ad alta voce è più che raccontare semplicemente una storia

I libri entusiasmano i più piccoli con le loro interessanti immagini e i colori vivaci. I bambini piccini sono pertanto contenti se qualcuno glieli legge ad alta voce. Questa attività non solo è divertente, ma amplia anche gli orizzonti e aiuta ad arricchire il lessico. Dovresti tenere conto di tutti questi aspetti quando leggi ad alta voce per tuo figlio.

Informazioni utili

Informazioni utili

L'essenziale in breve

  • Leggere ad alta voce non solto schiude il mondo vitale, ma favorisce anche la fantasia.
  • I wimmelbuch e i libri illustrati o a cursore sono particolarmente divertenti per i bambini piccoli.
  • Leggere ad alta voce significa anche parlare l'uno con l'altro!
  • Quale libro è adatto? Nella prima infanzia è importante che la trama e i personaggi delle storie siano chiari.

«Li», dice Elena, quando vuole che mamma o papà leggano ad alta voce. Poi trascina i suoi genitori sul divano e si arrampica sulle loro ginocchia. Quando il libro è aperto, Elena dice «Qua qua» e indica entusiasta l'anatra ondeggiante. Quanto è piacevole accoccolarsi insieme sul divano e sfogliare un libro! Ma non è tutto: i bambini ai quali in famiglia vengono lette tante storie ad alta voce imparano automaticamente moltissime cose.

I motivi per cui leggere ad alta voce è così importante per i bambini

I libri ampliano gli orizzonti. I bambini possono così, per esempio, farsi un'idea di giraffe e leoni anche se non li hanno ancora mai visti in carne e ossa allo zoo. La lettura non solo schiude il mondo vitale, ma favorisce anche la fantasia. «Attraverso l'esperienza con i libri, il bambino impara a distinguere le relazioni e a comprendere i processi», spiega la logopedista diplomata Sabrina Disabato, che insieme alla collega Ann-Sabine Künzler gestisce il sito web kindersprache.ch. Sperimentare che immagini e parole trasmettono storie è di grande importanza per il futuro comportamento di lettura e di scrittura.

Leggere ad alta voce è un'esperienza che deve divertire

Talvolta i genitori immaginano la lettura ad alta voce diversamente dal loro bambino. Loro intendono raccontare una storia, mentre il piccolo non vuole che gli venga semplicemente letta ad alta voce, ma desidera anche partecipare afferrando il libro, cercando di sfogliare le pagine o interrompendo il racconto con le sue parole. Non c'è motivo di litigare! Forse al bambino, in quel momento, interessa maggiormente sapere come si girano le pagine. Anche per fare questa cosa bisogna esercitarsi. Quando si legge è importante non fare mai pressioni. Leggere ad alta voce deve essere divertente per tuo figlio.

Quali libri per bambini sono particolarmente adatti? «Nella fascia di età compresa tra uno e due anni, i libri illustrati e i wimmelbuch ricchi di contrasti risvegliano in particolar modo l'interesse del bambino», afferma Sabrina Disabato. «I bambini trovano divertenti anche i libri a cursore, perché vi scoprono sempre nuove cose», aggiunge. Osservare un libro illustrato permette inoltre di imparare le regole della comunicazione, ovvero come si passa dall'ascolto al racconto e viceversa.

Come i genitori coinvolgono il bambino nella lettura ad alta voce

Il modo migliore per le famiglie che desiderano motivare i figli a guardare insieme i libri è quello di coinvolgerli: «Ehi, guarda un po', hai visto l'anatra? Che cosa sta facendo?» oppure «E cosa abbiamo qui? Esatto, una rana. La rana gracida rumorosamente ed è verde!». Chi? Cosa? Perché? Come? Quando? Dove? La persona di riferimento deve porre domande aperte, alle quali il bambino non può rispondere con un semplice «Sì» o «No»: «Oh, la rana siede su una pietra, che dici, dove saltellerà poi?». Sabrina Disabato afferma inoltre: «È anche possibile che il bambino indichi un oggetto e l'adulto gli dia un nome, spiegandogli il significato con frasi semplici o creando un legame con la realtà».

Leggere ad alta voce fa bene al lessico e alla grammatica

Quando leggono ad alta voce o raccontano delle storie, gli adulti si adeguano intuitivamente allo stato di sviluppo del bambino che ascolta: «Occorre parlare lentamente e scandire bene le parole. La voce diventa più melodica e chiara». Dalla storia che stai così leggendo ad alta voce, tuo figlio può scoprire tante nuove parole e farle sue. Anche la grammatica viene favorita se i genitori ripetono correttamente l'espressione del loro bambino. Sabrina Disabato fa il seguente esempio. Il bambino dice: «Mamma, mucca prato!». I genitori dovrebbero replicare: «Giusto, la mucca è sul prato!».

Piccole storie

Oltre ai libri illustrati veri e propri, i bambini di 18 mesi possono già comprendere semplici storie con tante ripetizioni. «L'interesse è particolarmente elevato se i libri trattano un argomento che i piccoli conoscono dalla loro vita di tutti i giorni», afferma Sabrina Disabato. Spesso i bambini preferiscono che nel loro libro prediletto si ripeta sempre lo stesso dialogo e vengano pronunciate sempre le stesse parole. I bambini amano la ripetizione. Attendono con tanta impazienza una parola che possono poi articolare. Il bambino ha bisogno della ripetizione per confrontarsi con la storia. Interiorizza così le relazioni.

Trama chiara

I libri illustrati devono piacere. Il miglior libro illustrato è dunque quello che un bambino gradisce gli sia letto ad alta voce e che guarda da sé con interesse. È importante che le storie siano chiare. Devono comparire solo pochi personaggi. Ottime anche le storie ricche di umorismo che consentono di tanto in tanto a genitori e bambini di ridere insieme.

Gli aspetti di cui i genitori dovrebbero tenere conto

  •  I libri sono a disposizione dei bambini: naturalmente i più piccoli non sono ancora in grado di gestirli con ordine. E non devono neppure saperlo fare. Ci saranno dunque delle orecchie. Più importante di un libro ordinato è risvegliare il piacere di leggere e scoprire. I libri cartonati sono pertanto l'opzione migliore per i bambini di due anni circa.
  • Il momento giusto: appena iniziato e il libro è già stato messo da parte? Nessun problema! Se il bambino preferisce giocare, non ha senso leggere ad alta voce. Ci saranno certamente occasioni migliori per guardare un libro.

Leggere ad alta voce significa anche sentire la vicinanza

Sia se guardati in autonomia, sia se letti ad alta voce dai genitori, i libri stimolano in maniera importante il bambino. E avvicinano te e tuo figlio, nel vero senso della parola. «Quando osservano insieme un libro illustrato oppure il libro viene letto ad alta voce, bambino e adulto sono uno accanto all'altro», afferma Sabrina Disabato. E aggiunge: «Il bambino percepisce la confidenza e il calore, condizioni ottimali per orientare l'attenzione al libro e vivere insieme piccole storie ».

Di più sulla lettura ad alta voce

Il centro di lettura dell'Istituto di ricerca e sviluppo dell'Alta Scuola Pedagogica FHNW elegge regolarmente il libro per bambini del mese. Inoltre, presenta ogni anno una lista di libri raccomandati che vale davvero la pena leggere. L'Istituto svizzero Media e Ragazzi (ISMR) non solo organizza ogni anno una Giornata della lettura ad alta voce, ma pubblica anche consigli pratici in merito.

Foto: Getty Images

Altre idee della redazione Famigros

Ottimo
consigli