Cura del corpo

Igiene intima: consigli per tua figlia

Nella pubertà le parti intime della donna si modificano e arrivano le mestruazioni. Questi consigli aiutano tua figlia nell'igiene intima.

Tua figlia ha tra i 10 e i 16 anni? Allora l'arrivo del menarca è solo una questione di tempo. Spesso la mestruazione si presenta senza preavviso ed è quindi difficile prepararvisi.

Il nostro consiglio: già prima del presentarsi del primo periodo mestruale parla con tua figlia di quel che succederà al suo corpo nella pubertà. Ciò aiuta molte ragazzine a comprendere meglio e ad accettare le trasformazioni fisiologiche che vivranno. Tua figlia si vergogna e non ne parla volentieri? Allora puoi darle anche un libro sull'argomento perché vi possa trovare con calma da sola le risposte ai dubbi che ancora ha.

Una corretta igiene intima è importante

La regola generale, è lavarsi accuratamente una volta al giorno i genitali e cambiare la biancheria intima tutti i giorni. Assicurati però che tua figlia non esageri con la cura delle parti intime. Perché prendersene cura nel modo sbagliato o troppo intensamente può risultare più nocivo che utile alle parti intime. Lavaggi troppo frequenti indeboliscono la flora vaginale e si favorisce così l'insorgere di disturbi e patologie ai genitali.

Durante le mestruazioni può giovare se tua figlia si lava ogni giorno le parti intime con acqua corrente e sapone dal pH neutro  o ancor meglio con una schiuma detergente dal pH leggermente acido. Il pH acidolattico è perfettamente adeguato alle parti intime femminili e sostiene in modo naturale la protezione della flora intima. Ciò impedisce che i batteri prolifichino o che si produca un odore sgradevole. 

Nell'igiene intima si dovrebbero anche evitare lavande vaginali, gel doccia profumati e deodoranti spray che non siano stati sviluppati specificatamente per le parti intime. 

Informazioni utili

Informazioni utili

Protezione adeguata durante il ciclo mestruale

Oltre a un'igiene intima praticata con regolarità, tua figlia teenager ha bisogno anche di una buona protezione dalle macchie di sangue. Esistono queste possibilità:

Salvaslip

Un salvaslip si attacca tramite una striscia adesiva alle mutandine e può essere cambiato facilmente e rapidamente anche fuori casa. È molto sottile e quindi va bene soprattutto nei giorni immediatamente precedenti al ciclo e per i sanguinamenti residui degli ultimi uno o due giorni della mestruazione. Inoltre un salvaslip può rappresentare un'efficace protezione aggiuntiva quando si utilizzano i tamponi, se questi ultimi non assorbono a sufficienza il sangue. Il salvalsip non va comunque utilizzato continuamente perché indossarlo troppo sovente può provocare irritazioni alla pelle.

Assorbenti

Come i salvaslip si attaccano con un adesivo alle mutandine, ma sono un po' più spessi e quindi più adatti per l'assorbimento del flusso mestruale. Gli assorbenti vanno cambiati sovente perché il sangue assorbito può provocare un odore sgradevole. Si consiglia di non indossare lo stesso assorbente per più di quattro ore.

Tamponi

I tamponi si inseriscono nella vagina, dove assorbono il sangue mestruale. Un tampone è inserito correttamente se tua figlia non ne avverte praticamente la presenza. Il tampone è l'ideale per le attività sportive, anche per il nuoto. Ti raccomandiamo però di osservare le indicazioni riportate sul foglietto illustrativo. 

Coppetta mestruale

Sempre più donne cercano un'alternativa ai tamponi. A differenza di tamponi e assorbenti, la coppetta mestruale può essere utilizzata più volte ed è quindi molto ecologica. Questa piccola coppa flessibile si inserisce nella vagina come un tampone. Generalmente si può scegliere fra diverse misure di coppette mestruali. Per le teenager si raccomanda di incominciare con la misura più piccola. Al primo utilizzo si deve inoltre tenere ben presente quanto segue.

  1. La tua ragazzina deve ripiegare più volte la coppetta mestruale in modo da poterla inserire più facilmente nella vagina.
  2. Si consiglia di stringere la coppetta tra l'indice e il pollice e inserirla così nella vagina. Consiglio: il bordo ripiegato va rivolto verso l'interno. Inoltre la coppetta non va inserita tanto in profondità quanto un tampone. 
  3. Se la coppetta mestruale è stata inserita correttamente, si apre da sola e poi la si sente appena.
  4. Per toglierla, tua figlia deve afferrarne la base e comprimerla delicatamente, in modo che non si produca del vuoto e quindi un effetto ventosa. Importante: non estrarla mai tirandola dal gambo.

Una coppetta mestruale non solo protegge dalle infezioni ma può anche restare inserita nel corpo per circa otto ore. Proprio come i tamponi, anche la coppetta va bene per praticare sport. Ti raccomandiamo però di seguire le indicazioni riportate sul foglietto illustrativo. 

Così tua figlia trova la protezione giusta

Con quale di queste soluzioni tua figlia si troverà più a suo agio durante il periodo mestruale, sarà lei a deciderlo. La cosa migliore che tu possa fare è spiegarle bene tutte le possibilità in modo che lei sia in grado si sperimentarle. Durante la prima mestruazione è di certo d'aiuto che tu dia a tua figlia assorbenti di diverso spessore. Per molte ragazzine, all'inizio gli assorbenti sono il metodo più semplice. Perché anche come usare tamponi e coppetta mestruale è una cosa che prima si deve imparare.

Soprattutto, è importante che tu sia sempre disposta ad ascoltare eventuali domande e dubbi di tua figlia. In particolare nei giorni immediatamente successivi all'arrivo del ciclo, chiedi tu di tua iniziativa a tua figlia se le serve qualcosa. Perché magari ti ricordi bene di quanto sia stato imbarazzante per te alla sua età dover chiedere tu a tua mamma consiglio su questi argomenti.

Immagine: Getty Images

Altre idee della redazione Famigros

Da non
perdere