Consiglio per il bebè

Con il secondo figlio la collaudata vita familiare cambia inevitabilmente

Un secondo figlio cambia radicalmente la vita familiare. Scopri qui cosa significa prendere una tale decisione per la carriera, l’accudimento e la divisione dei compiti.

Pro Juventute
Caricamento dell’immagine

Pro Juventute consulenza per genitori

Il nostro partner specializzato per questo tema è il servizio gratuito di consulenza per genitori della Pro Juventute.

Pro Juventute
Caricamento dell’immagine

Pro Juventute consulenza per genitori

Il nostro partner specializzato per questo tema è il servizio gratuito di consulenza per genitori della Pro Juventute.

L'essenziale in breve

  • Le ostetriche consigliano di aspettare fino a nove mesi prima di una seconda gravidanza.
  • In caso di dubbi sull’accudimento e sulla disponibilità economica per il secondo figlio, conviene stendere un piano con i pro e i contro insieme al partner.
  • La nascita di un fratellino o di una sorellina significa che al primo figlio mancheranno in parte le attenzioni dei genitori. Con l'empatia necessaria, tuttavia, i bambini superano rapidamente questa fase.

I primi mesi con il bambino sono un momento speciale. Per quanto bella sia questa esperienza, richiede molta forza ed energia da parte dei genitori. E non appena i processi si assestano gradualmente e la famiglia si abitua al piccolo, molti genitori iniziano a pensare se, e come sarebbe, dargli un fratellino o una sorellina. 
Vogliamo davvero rivivere tutto da capo? E come reagirà nostro figlio? Diverse sono le considerazioni legate all'ipotesi di una new entry in famiglia. Un'analisi di ampio respiro impone di esaminare anche la situazione abitativa e le finanze. 

Prima della nascita

Allargare la famiglia? Ci sono molte ragioni a favore e molte contro. Il dialogo aperto fra i genitori su ciò che sembra giusto o sbagliato all'uno e all'altro è molto importante. Non appena entrambi concordano di voler avere un secondo figlio, si pone poi la questione del momento più opportuno. Per quanto concerne questa riflessione va detto chiaramente che la differenza di età ideale non esiste. Lo psicologo zurighese Jürg Frick, che da anni studia i rapporti tra fratelli e sorelle, sul suo sito web consiglia di decidere con serenità: «Quando si valuta l'idea di diventare genitori per la seconda volta, bisogna tener conto delle condizioni di vita molto più che della differenza d'età.» 
Una nota regola dell’ostetricia recita anche: aspetta almeno sei mesi, meglio nove, prima di cercare un altro figlio. Solo allora il cambiamento ormonale che la gravidanza e il parto comportano è completato e il tessuto si ricompatta. Per le donne che preferiscono il parto cesareo, i medici raccomandano di aspettare un anno prima della gravidanza successiva, affinché la cicatrizzazione sia quanto più completa possibile. 

Discutere di finanze, lavoro e accudimento

Un bambino può costare fino a fr. 14'000.- all'anno, importo comprensivo di accudimento, alimenti, abbigliamento e pannolini. È utile stilare un piano dei costi prima di progettare nuovi arrivi in famiglia. Questo piano dovrebbe contemplare anche la possibilità di un lavoro a tempo parziale o di disoccupazione temporanea. Perché avere un secondo figlio significa anche avere più impegni. Affronta assolutamente con il partner la questione budget nel caso doveste ricorrere all'aiuto di una tata o mandare poi il bambino all'asilo nido. 
È d'obbligo anche riflettere sulla situazione abitativa. I bambini potranno sì dormire nella stessa camera per i primi anni, ma crescendo svilupperanno interessi propri. Se vanno o meno d'accordo in una camera condivisa dipende, fra l'altro, dai loro caratteri. Non avendo a disposizione due camere separate, conviene dividere la camera dei bambini affinché ognuno abbia il suo spazio. 

Ecco cosa significa un secondo figlio per i genitori

Una volta arrivato il secondogenito, la vita familiare quotidiana cambia radicalmente. Alcuni genitori riescono a gestire facilmente la nuova situazione familiare, mentre altri hanno bisogno di riorientarsi. Per la madre, in particolare, dover gestire due bambini contemporaneamente può essere pesante. Pertanto, il sostegno del padre è fondamentale. Se il padre non si occupa ancora di mettere a letto il figlio, fargli il bagnetto serale, cambiargli il pannolino, ecc., allora dovrebbe incominciare a responsabilizzarsi in tal senso. Questo atteggiamento semplificherà la situazione dopo la nascita, perché il primogenito sarà già abituato al fatto che il padre si occupa di lui tanto quanto la madre.

Se un genitore è propenso, ma l'altro no

Se è solo uno dei due genitori a desiderare il secondo figlio, la situazione si complica. Spesso la preoccupazione nasce dal timore di non riuscire a gestire il doppio impegno. Parlarne in un clima disteso cercando di comprendere le diverse argomentazioni aiuta sicuramente a trovare una soluzione insieme. L'importante è non spingersi a vicenda a prendere decisioni che potrebbero rovinare la relazione.

L'amore fraterno si impara

Indipendentemente dalla differenza di età tra fratelli, una sorella o un fratello comportano cambiamenti importanti per il primo figlio, che non è più l'unico e deve imparare a condividere l'amore e le attenzioni dei genitori. Lo sviluppo della relazione tra fratelli dovrebbe essere accompagnato da comprensione ed empatia. Non è affatto detto che i fratelli vadano d'accordo.
Confuso dalla nuova situazione, il primogenito può scivolare nel ruolo del secondogenito. In fondo ogni giorno avverte che il comportamento del neonato attira le premure e l'affetto dei genitori. Di conseguenza, il primogenito può non mostrare interesse per il neonato o reagire con aggressività nei confronti della madre. Arrabbiarsi non serve. La gelosia fa parte del processo e la situazione si sistemerà con il tempo.

Foto: Getty Images

Più idee per la gioia del tuo bimbo

Cucù