Consiglio per il bebè

Il secondo bambino porta dei cambiamenti nella collaudata vita familiare

Pro Juventute
Caricamento dell’immagine

Pro Juventute consulenza per genitori

Il nostro partner specializzato per questo tema è il servizio gratuito di consulenza per genitori della Pro Juventute.

Informazioni utili

Parole chiave

Bebè Bambino piccolo

Avere due figli porta dei cambiamenti nella vita familaire. La divisione delle responsabilità, l'attività professionale, il supporto esterno devono essere rivisti e possibilimente organizzati diversamente.

Non appena il primo figlio compie un anno, molti genitori cominciano a pensare ad un secondo figlio. Alla questione del secondo figlio e all'estensione della famiglia sono collegate diverse considerazioni: desiderate parecchi bambini o siete troppo impegnati professionalmente e privatamente per avere un secondo figlio? La situazione abitativa consente di avere un secondo figlio? Quali piani per la carriere avete pianificato con il vostro partner? Com'è la vostra situazione finanziaria?

Ci sono molti motivi pro e molti motivi contro un'estensione della famiglia. È importante che entrambi i genitori esprimano apertamente i propri punti di vista, sia a favore che contro. Non appena entrambi sono d'accordo sul fatto di avere secondo figlio, si pone la domanda del momento più adatto. Anche se ci sono delle teorie circa la differenza di età ideale tra il primo e il secondo figlio, ogni famiglia dovrebbe riflettere individualmente su questo problema.

La differenza ideale d'età fra i fratelli 

A prescindere dalla differenza d'età, l'arrivo di una sorellina o di un fratellino porta con sé dei grandi cambiamenti per il primogenito. Non sarà più solo per lungo tempo e deve imparare a condividere l'amore e l'attenzione dei genitori. La costruzione del rapporto tra fratelli dovrebbe essere aiutata con comprensione e sensibilità, perchè l'amore tra due fratelli non può essere un semplice presupposto. Un rapporto deve potersi sviluppare nel tempo. Anche i genitori devono riorientarsi e dividere tra i due bambini le proprie attenzioni e il proprio tempo.

I giorni dopo la nascita 

L'ideale è che il padre resti qualche giorno a casa con il primogenito, meglio anche una o due settimane. Il cambiamento allora non sarà troppo brusco e la famiglia cambierà insieme nella nuova situazione. Se questo non sarà possibile, sarebbe sensato se, in attesa della madre, il bambino fosse affidato a qualcuno che conosce molto bene. Può anche cambiare temporaneamente casa, ma ciò non dovrebbe creare problemi. Il bambino ha bisogno di tempo, per abituarsi alla nuova situazione familiare e raggiungere la consapevolezza di essere amato come prima. Di conseguenza è poco un raccomandabile cambiare la situazione del bambino subito dopo della nascita.

Il rapporto con la nuova situazione familiare 

Alcuni genitori acquistano padronanza facilmente con la nuova situazione, altri devono prima riorganizzarsi insieme al primogenito. Se il primogenito frequenta già un asilo nido, farà qualche difficoltà dopo l'arrivo del fratellino o della sorellina. L'importante è parlare con le insegnanti della crisi temporanea e continuare a mandare il bambino all'asilo come di consueto. Malgrado i problemi del distacco, la prosecuzione della vita a cui sono abituati dà ai bambini una maggiore sicurezza.

Sostegno da parte del padre 

Nei giorni e nelle settimane prima della nascita è estremamente necessario un sostegno da parte del padre o di un'altra persona di riferimento. Se il padre non è pronto per il rituale della buona notte, per il bagnetto serale, il cambio dei pannolini ecc, dovrebbe approfittare dell'occasione, per prendersi carico maggiormente di tali mansioni. Il fatto che il primo figlio venga già gestito dal padre in assenza della madre, faciliterà la situazione dopo la nascita. Anche se a prima vista potrebbe sembrare sensato, è bene non dividere la gestione dei due bambini tra i due genitori. Non è raccomandabile che la madre si occupi principalmente del bambino neonato ed il padre del primogenito.

Non più da solo al centro dell'attenzione 

Con la nascita di un fratellino comincia un grande periodo di cambiamenti per il figlio maggiore. Fino ad allora, in quanto "figlio unico", era abituato ad essere al centro dell'attenzione. Tutto veniva notato e commentato dagli adulti, se era allegro o se disturbava. I bisogni come fame, sete o desiderio di attenzione, venivano immediatamente soddisfatti. Con l'arrivo di un secondo bambino, tutto cambia improvvisamente. I suoi desideri non vengono più soddisfatti immediatamente, le attenzioni dei genitori devono essere condivise con il fratello o la sorella. Per il bambino più grande questa situazione significa un atto di compensazione fra gioia e curiosità, incertezza e gelosia.

Accettare i cambiamenti nella vita familiare 

I genitori con la necessaria sensibilità fanno sì che il primogenito accetti i cambiamenti nella vita familiare e possa instaurare un rapporto positivo con il nuovo arrivato. Tuttavia capita che i bambini più grandi spesso richiedano il biberon, siano più attaccati e non vadano più molto volentieri all'asilo.

Un fratellino provoca sconcerto 

Forse sconcertato dalla nuova situazione, il bambino più grande spesso cerca di assumere il ruolo del più piccolo. Comprende che la condotta del nuovo nato desta l'attenzione dei genitori. Comincia a mostrare disinteresse nei confronti del bambino o reagisce aggredendo la madre, che vede come la colpevole di tutto. Non lasciatevi irritare dal suo comportamento e dategli corda nel suo tentativo di imitare un neonato e i suoi bisogni. Ad esempio, qualche volta potete dargli il biberon, cullarlo e trattarlo come fate con il fratellino o la sorellina.

Foto: Getty Images

Più idee per la gioia del tuo bimbo

Cucù