Gravidanza

35a settimana di gravidanza

La gravidanza è un’avventura! Ti spieghiamo cosa succede al tuo corpo e a quello del bambino settimana dopo settimana. Leggi qui: la trenticinquesima settimana.

Il cuore del vostro bambino è quasi completamente formato. Ma la circolazione del sangue comincerà a funzionare autonomamente solo dopo il parto quando sarà attivata la respirazione polmonare. Il suo sistema immunitario funziona invece già in modo indipendente.  Tuttavia, dopo il parto avrà bisogno di tempo per produrre un livello sufficiente di anticorpi che lo proteggeranno efficacemente dalle malattie.

Consiglio: un ricordo del vostro pancione

Forse avete già immortalato il vostro pancione durante un fotoshooting. Se volete fare qualcosa di unico e personale, potete trasformare il vostro pancione in un'opera d’arte realizzando in modo rapido e semplice un calco in gesso. Anche il vostro partner o eventuali fratelli e sorelle potranno cimentarsi nella realizzazione di quest'opera. In commercio esistono dei kit speciali che contengono tutti gli attrezzi necessari e le istruzioni per l'uso che vi consentiranno di sperimentare la vostra vena artistica. Distribuite la crema contenuta nel kit sulla pancia, sul petto e, se lo desiderate, anche sulle cosce e sulle spalle. Questa operazione vi servirà a staccare meglio la maschera di gesso. Chiedete al vostro partner di aiutarvi: in due è più facile. Infine, applicate il gesso stendendolo anche sulle vostre rotondità. Dopo circa 30 minuti potete staccare la maschera della pancia di colore bianco. Date libero spazio alla vostra fantasia decorando la superficie bianca del vostro pancione con gli appositi colori innocui. L’opera realizzata vi ricorderà per sempre il periodo magico della vostra gravidanza. 

Avete la sensazione di essere incinte da un’eternità? Il vostro bambino occupa praticamente tutta la vostra pancia. La forte dilatazione vi procurerà forse sempre più spesso qualche fastidioso prurito sulla pelle. Le sempre più frequenti false contrazioni aiutano il bambino a posizionare la testa sulle ossa del piccolo bacino. Il bambino si mette quindi nella posizione per il parto. Nel prosieguo della gestazione i dolori possono aumentare. Anche il viso, le mani e soprattutto i malleoli e i piedi si gonfiano. Se il vostro seno s'ingrossa, potete portare anche di notte un reggiseno per la gravidanza che allevia il dolore. 

Consiglio: Dedicate il vostro tempo al fratello o alla sorella maggiore

Se avete già un bambino piccolo, il periodo della gravidanza potrà essere per lui molto stimolante. Approfittatene per dedicargli tutto il tempo e le attenzioni. Portatelo ai corsi preparto e condividete con lui la vostra felicità. In questo modo non sarà geloso e non si sentirà trascurato. Potreste ad esempio coinvolgerlo nella scelta della stanzetta. O nella scelta del nome. Mostrategli le immagini delle ecografie e spiegategli lo sviluppo del feto.  Potrà confrontare queste immagini con le foto delle sue ecografie o delle sue prime settimane. Parlategli dei vantaggi che comporta essere il primogenito: potrà ad esempio andare prima all'asilo. Dopo il parto, dovrà entrare subito in contatto con il nuovo arrivato: questo compito spetta ai genitori. Inoltre, dopo il parto tenete pronto in ospedale un nuovo giocattolo che potrete dargli come regalo da parte del nuovo arrivato.

Che cosa fare in caso di parto improvviso?

Temete di non accorgervi delle prime contrazioni e quindi di dover partorire in auto o in taxi? È normalissimo! Ma la probabilità che ciò possa verificarsi, è davvero molto, molto rara! Soprattutto per chi è alla prima gravidanza, un parto improvviso o addirittura un parto precipitoso è molto raro. In questo caso, il parto avviene normalmente senza grandi complicazioni. 

Come dovete comportarvi se avvertite la pressione del parto prima di arrivare in ospedale? 

Se possibile, non dovreste cedere a questa pressione. Cercate di inspirare ed espirare come se voleste soffiare su una candela. Potreste guadagnare dei minuti preziosi. Evitate di stringere le gambe: non fa bene al bambino. Se la pressione del parto si fa troppo forte, accettatela. Tuttavia, cercate di evitare ulteriori pressioni per risparmiare le vostre forze e ridurre la pressione sul canale del parto. Il bambino sta per nascere se avvertite un bruciore e un dolore lancinante dovuto alla dilatazione della vagina. A questo punto è importante inspirare ed espirare nuovamente affinché il perineo possa dilatarsi. Infine, la testa del bambino sarà espulsa con una contrazione e il corpo con una contrazione successiva.  
Dopo il parto, è importante che il neonato venga tenuto immediatamente al caldo. La cosa migliore è tenerlo sul vostro corpo. Copritevi con qualsiasi cosa: nei casi urgenti potrete utilizzare anche un pullover o un cappotto.  

Chiamare l’ospedale 

Se il neonato cerca il vostro capezzolo, è un buon segnale. In questo modo vengono stimolate ulteriori contrazioni e l’espulsione della placenta. Ma nel frattempo dovreste essere arrivate in ospedale oppure dovrebbe essere arrivata l’ambulanza.  

I nostri prodotti consigliati:

Foto: Getty Images

Scopri di più sui nove mesi col pancione

Consiglio