Gravidanza

Depressione postparto: la grande stanchezza dopo la nascita del bebè

Informazioni utili

Sentirsi al settimo cielo dopo il parto? Non per tutte le neomamme è così. Alcune sprofondano in un buco nero dal quale spesso riescono a uscire solo facendosi aiutare. Per fortuna di solito la depressione postparto è facilmente curabile.

Aiuto in caso di depressione postparto

La nascita di un bambino è un evento meraviglioso, ma richiede tante energie. Le ultime settimane di gravidanza sono assai faticose e sentirsi esaurite dopo il parto è del tutto normale. Non tutte le donne però si sentono al settimo cielo nel primo periodo dopo la nascita del bambino.

Esaurite e sopraffatte

La nascita del primo figlio segna un punto di svolta nella vita di una donna. Può far scaturire paure e la sensazione di non essere all’altezza, alla quale possono aggiungersi anche il fastidio dell’episiotomia o del taglio cesareo, gli strilli del neonato e la costante carenza di sonno. Il parto e le emozioni a esso connesse possono inoltre riportare alla luce esperienze negative vissute in passato. Ne può conseguire una depressione: nei primi mesi dopo il parto ne soffre circa il dieci percento delle mamme in tutto il mondo.

Dal baby blues alla depressione postparto

Molte mamme conoscono il cosiddetto baby blues. Il baby blues può manifestarsi già in gravidanza o subito dopo il parto. Crisi di pianto senza motivo (apparente) e sbalzi di umore sono i sintomi tipici del baby blues. Questo è dovuto al profondo sconvolgimento ormonale. In genere l’umore si stabilizza nel giro di alcune settimane. Se dopo questo periodo le sensazioni negative persistono o si accentuano, si tratta invece di depressione postparto.

Sintomi della depressione postparto

La depressione postparto è caratterizzata da un forte senso d’incapacità di prendersi cura del neonato. Le neomamme depresse provano sensi di colpa e si sentono sopraffatte dalla stanchezza, prive di energia e senza interesse. Spesso mostrano paure eccessive e sentimenti contrastanti nei riguardi del bambino. La depressione postparto può anche generare pensieri suicidi. Sta al medico determinare se la donna ha bisogno semplicemente di essere alleggerita nei suoi doveri o se è gravemente ammalata.

Trattamento della depressione

Nessuna donna deve vergognarsi se dopo il parto si sente depressa. L’importante è che non tenga per sé i suoi brutti pensieri e i sentimenti ambivalenti, ma che ne parli apertamente e si faccia aiutare da uno specialista. La depressione postparto è facilmente curabile. Poiché di solito le cause sono diverse, la cura dovrebbe essere impostata su diversi livelli.

Per le depressioni leggere è sufficiente, a seconda delle circostanze di ciascun caso, una terapia di dialogo, di gruppo o di coppia. Inoltre può essere utile partecipare a gruppi di aiuto reciproco nei quali la donna trova la conferma che la depressione non è motivo di vergogna e neppure un fenomeno che colpisce solo lei. Se la depressione è grave, occorre curarla con i farmaci. È importante confidarsi al più presto con un medico o una levatrice, perché prima si interviene più rapidamente la donna riesce a uscire dal suo stato.

Qui trovi maggiori informazioni sulla depressione postparto:
Verein Postnatale Depression Schweiz

Foto: Getty Images

Scopri di più sui nove mesi col pancione

Consiglio