Escursione

Museo di Valmaggia: scoprire la vita in Valmaggia

Informazioni utili

Periodo dell’evento

Orari d’apertura

Per saperne di più
Indicato per

4-18+

Prezzi

Adulti: Fr. 6.-
Bambini: Fr. 3.-
Tariffa famiglia: Fr. 12.-

Parcheggi

Sono disponibili dei parcheggi

Fermata trasporti pubblici più vicina

Bus Cevio-Centro

Il Museo di Valmaggia a Cevio presenta interessanti esposizioni del ricco patrimonio culturale della Valmaggia.

La Valmaggia o Valle Maggia è la più grande valle del Canton Ticino, poiché si estende su un quinto dell’intero territorio cantonale. Dal Lago Maggiore la valle penetra profondamente nelle Alpi. L'area nasce dal delta della Maggia (200 m. s.l.m. ) a poco più di 40 chilometri in linea d'aria e sale ai 3'200 metri del Basodino e del suo imponente ghiacciaio; i dislivelli dal fondovalle alle vette sono tra i più alti della Svizzera. L'imbocco della valle a Ponte Brolla non è ampio quanto la parte superiore della valle, che qui si ramifica in diverse grandi valli laterali le quali, a loro volta, sono caratterizzate da innumerevoli valli secondarie.

La Valmaggia offre a visitatori grandi e piccini un'ampia gamma di opportunità per scoprire un suggestivo e variegato ambiente naturale, un ricco patrimonio culturale, oltre a innumerevoli tracce della vita e della secolare e incessante opera dell’uomo. Il Museo di Valmaggia ne offre alcuni emozionanti esempi.

Cartina Google Maps

Caricamento della cartina...

Come arrivare

Parcheggi

Sono disponibili dei parcheggi

Fermata trasporti pubblici più vicina

Bus Cevio-Centro

Orari d’apertura

Caricamento degli orari di apertura

Contatto

Indirizzo

Museo di Valmaggia Cevio
Cevio vecchia 2
6675 Cevio

Telefono

+41 91 754 13 40

La correttezza delle informazioni di cui sopra non può essere garantita. Sei pregato di contattarci su famigros.ausfluege@mgb.ch per segnalare modifiche di prezzo o orari di apertura.

Consigli

Visite guidate su appuntamento per gruppi da 10 a 25 partecipanti, anche per scolaresche

Infrastruttura

An diesem Ort sind folgende Infrastrukturen vorhanden.
Parcheggi personali
WC

Il museo sito in due edifici storici

Oggi il museo di Valmaggia dispone di una documentazione dettagliata sull'habitat e la popolazione di questa importante vallata alpina del sud della Svizzera. L'associazione del museo è stata fondata nel 1962 con lo scopo di salvare e valorizzare i beni culturali della valle, un prezioso patrimonio storico che negli anni del secondo dopoguerra andava rapidamente disperdendosi.

Nel 1963, dopo l'acquisto e il restauro del Palazzo Franzoni, veniva inaugurato a Cevio il primo museo etnografico regionale del Canton Ticino. Da allora l'associazione ha raccolto migliaia di oggetti, ampliato progressivamente le proprie infrastrutture, effettuato numerose ricerche e organizzato esposizioni.

Nella sede principale, il Palazzo Franzoni, si trova la mostra permanente, che dà un'idea della vita e dell'habitat degli abitanti della valle. Vengono presentate collezioni su temi che riguardano l’acqua, la pietra, lo sviluppo storico, il ciclo vitale, la vita delle donne, l’alpeggio e la pietra ollare. La seconda sede, la Casa Respini-Moretti, si trova a due passi da quella principale e ospita, oltre alla mostra permanente sulla necropoli romana di Moghegno, alcune mostre temporanee.

Il museo, concepito secondo moderni criteri, ha reso molto intuitivi e accattivanti per tutta la famiglia i percorsi espositivi proposti; i testi che accompagnano i materiali esposti sono tradotti in tre delle lingue nazionali svizzere.

Un sentiero per tanti grotti

Uno dei progetti del museo è il sentiero didattico dei grotti. Ai piedi del versante destro della valle, sopra Cevio Vecchio e appena dietro al museo, si trovano i detriti di una grande frana causata dal crollo della parete rocciosa situata circa 300 metri più in alto. Fra questi grandi blocchi, su una superficie di circa due ettari, vennero scavate oltre 60 cantine, i cosiddetti "grotti". Una rete di angusti sentieri percorre l’intera area e rende possibile l’accesso a tutti i vani, alcuni dei quali sono molto profondi.

Foto: Remy Steinegger

Più escursioni, più avventure

Vai!