Consiglio per il tempo libero

Dormire sotto le stelle

Perché non dormire fuori quando dentro fa troppo caldo? Ma attenzione, è importante pianificare bene.

Il bivacco sul balcone: per chi vuole andare sul sicuro

  • Procurarsi un materassino isolante o gonfiabile per meno freddo e più comfort.
  • Scegliere un sacco a pelo traspirante per evitare di sudare o soffrire il freddo.
  • Tenere a portata di mano vestiti più caldi, a volte le temperature sono difficili da prevedere.
  • Non dimenticare i tappi per le orecchie, non tutti i rumori notturni sono piacevoli.
  • Aprire l’ombrellone già di notte, il sole estivo picchia già la mattina presto.

Il campeggio a cielo aperto: per chi è già un professionista

  • Scegliere accuratamente il posto in cui dormire: mai nelle zone protette, zone palustri, prati nel bosco, terreni aperti, zone con passaggio di selvaggina, zone golenali, banchi di sabbia e sempre a una distanza di almeno 100 m da un corso d’acqua.
  • Richiedere l’autorizzazione dell’autorità locale (comune, contadino, guardiano di capanna).
  • Comportarsi in modo rispettoso, evitare di fare rumore soprattutto al calare del buio poiché molti animali sono particolarmente attivi in questa fase della giornata.
  • Utilizzare contenitori riutilizzabili per cibi e bevande.
  • Non spargere i resti di cibi nei dintorni, attirano insetti e animali più grandi.
  • Attenzione ai divieti di accendere un falò; prendere le misure necessarie per evitare danni dovuti al fuoco.
  • Lavare i piatti almeno a 30 m dal corso d’acqua più vicino o utilizzare un detergente biodegradabile.
  • Fare i propri bisogni ad almeno 50 m dal prossimo corso d’acqua. Sotterrare le feci oppure coprirle con delle grandi pietre. Bruciare la carta, tranne se vige il divieto di accendere fuochi.
  • Tenere i cani al guinzaglio, soprattutto al calare del buio.
  • Non lasciare nulla nel luogo del bivacco, raccogliere tutti i rifiuti, anche quelli più piccoli.

Più escursioni, più avventure

Vai!