Consiglio per il tempo libero

I bambini e l’acqua: consigli per la sicurezza in piscina o in spiaggia

Informazioni utili

Sguazzare, nuotare, giocare, spruzzare e tuffarsi: la maggior parte dei bambini adora l’acqua e le allegre giornate estive in piscina o in spiaggia. Affinché anche tu possa goderti serenamente queste giornate balneari abbiamo raccolto importanti consigli per la sicurezza dei bambini in acqua.

L’estate fa rima con l’acqua e i lunghi pomeriggi in piscina, al lago o in spiaggia: per molti bambini è la stagione più bella dell’anno. I più grandi si scatenano in acqua senza timore, ma anche ai più piccoli piace sperimentare con la sabbia, sguazzare nell’acqua e stare all’aria aperta.

Anche se queste giornate in acqua con la famiglia sono davvero fantastiche, ci sono molti pericoli in agguato. Abbiamo compilato una lista con importanti misure di sicurezza da rispettare quando si va a nuotare, sguazzare nell'acqua o più semplicemente a fare il bagno.

Buono a sapersi: consigli sulla sicurezza per i genitori

Madre e due bambini in una piscinetta con un piccolo scivolo
Caricamento dell’immagine
web.lightbox.openLink
Madre e due bambini in una piscinetta con un piccolo scivolo
Caricamento dell’immagine

1. Non perdere mai di vista il bambino

Lascia il tuo bambino sguazzare nell’acqua o fare il bagno solo sotto sorveglianza. Per un bebè o un bambino piccolo bastano già 20 cm di profondità per annegare, per cui non devi mai allontanarti più di 3 passi. Se vuoi rilassarti un attimo o devi sbrigare una faccenda, mettiti d’accordo con altri adulti che possono incaricarsi della sorveglianza.

Recinto
Caricamento dell’immagine
web.lightbox.openLink
Recinto
Caricamento dell’immagine

2. Rendere sicuri stagni e piscine

Assicurati che eventuali stagni in giardino o piscine private siano resi sicuri, ad esempio tramite una speciale griglia di protezione o una recinzione dotata di cancello con serratura.

Diploma di nuoto Svizzera
Caricamento dell’immagine
web.lightbox.openLink
Diploma di nuoto Svizzera
Caricamento dell’immagine

3. Un comportamento corretto in acqua

Vale la pena permettere ai bambini di familiarizzare presto con l’acqua. I bambini a partire da 4 anni circa possono già frequentare primi corsi di nuoto e imparare così come comportarsi correttamente nell’acqua. Trovi le scuole di nuoto nelle tue vicinanze qui.

4. Prudenza con gli accessori per il nuoto

Gli ausili per il nuoto come i braccioli, nella misura in cui si tiene conto delle indicazioni in merito ad età e peso, aiutano il bambino a restare a galla e sono quindi caldamente consigliati. Tuttavia, non proteggono in modo affidabile dall’annegamento. Anche gli animali gonfiabili, per quanto siano meravigliosi per giocare in acqua, non offrono nessuna sicurezza, poiché possono ribaltarsi facilmente. Anche qui vale la regola: non lasciare mai il bambino incustodito in acqua.
 

5. Cambiare regolarmente i braccioli

L’intensa luce del sole, l’acqua salata del mare e la sabbia mettono a dura prova gli ausili per il nuoto. Gonfia regolarmente i braccioli e controlla che non abbiano buchi. Si consiglia di sostituire i braccioli appena compaiono i primi segni di logoramento.

6. Attenzione ai tuffi

Solo quando l’acqua spruzza dappertutto ci si diverte davvero! Tuttavia è importante non tuffarsi in acque di cui non si conosce la profondità. Bisogna fare attenzione anche in caso di piscine piene di gente: buttarsi sugli altri nuotatori, oltre a far male, può anche essere molto pericoloso.

7. Non dimenticare la protezione solare

In acqua i raggi del sole sono particolarmente intensi a causa dei riflessi. Una protezione solare elevata e resistente all’acqua nonché abiti che proteggono dai raggi UV sono quindi assolutamente indispensabili per i più piccoli. Applica ripetutamente la crema al tuo bambino perché attraverso l’acqua, lo strofinamento con l’asciugamano o la sabbia l’effetto della protezione solare si riduce. In linea di principio non bisognerebbe esporre i bambini, soprattutto i bebè, alla luce solare diretta, o farlo il meno possibile.

Contenitore con colazione sana e leggera
Caricamento dell’immagine
web.lightbox.openLink
Contenitore con colazione sana e leggera
Caricamento dell’immagine

8. Non dimenticare di portare uno spuntino

Nuotare con la pancia piena non è una buona idea, ma anche a stomaco vuoto non è ideale. Stanchezza, mancanza di concentrazione e anche mal di testa possono essere le conseguenze non del tutto prive di rischi. Porta sempre qualcosina da mangiare e da bere per i bambini e per te.

Messaggi dell’acqua per bambini

Paperella da bagno
Caricamento dell’immagine
web.lightbox.openLink
Paperella da bagno
Caricamento dell’immagine

Una descrizione comprensibile, dettagliata e adatta ai bambini dei messaggi dell’acqua a loro indirizzati è disponibile sul sito della Società svizzera di salvataggio: www.slrg.ch.

Foto: Getty Images

Più escursioni, più avventure

Vai!